Il lockdown anti Covid imposto dal 28 marzo a Shanghai sta producendo tensione e rabbia tra i cittadini, alle prese con gravi problemi per procurarsi cibo, ottenere carne, riso e altri generi alimentari essenziali, tra lamentele di supermercati online vuoti e difficoltà di consegne per le enormi richieste. Le proteste vanno avanti da diversi giorni, Secondo gli ultimi dati, nella città, che conta 25 milioni di abitanti, sono stati registrati circa 23mila casi

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, proteste e saccheggi a Shanghai per carenza di cibo. La megalopoli è in lockdown dal 28 marzo

next