È solo l’inizio di un percorso verso la verità. E non suoni strano, dopo oltre quarant’anni, perché così è quando i depistaggi vengono attuati e dispiegano il loro potenziale. Solo oggi, dunque, si apre uno squarcio che ci consente di ragionare su due aspetti importanti delle responsabilità della strage di Bologna.

Il primo è che i Nar non erano solo, non potevano essere soli. I Nar non erano ragazzacci violenti ma espressione del terrorismo ordinovista – al quale rimanda la condanna in primo grado di Gilberto Cavallini è quella dell’avanguardista-mercenario Paolo Bellini: cioè erano una delle facce di quel contropotere che trovò legittimità nel sostegno di un pezzo della politica di allora e nell’establishment internazionale che probabilmente lo creò.

Poi ancora: leggendo la sentenza il presidente ha dato conto del verdetto, in gran parte atteso – ergastolo per Bellini, sei anni a Segatel accusato di depistaggio, quattro anni a Catracchia per false informazioni al pm – e poi alla fine, niente affatto scontato, ha detto del rinvio al pm degli atti per valutare le posizioni di altre persone, Stefano Menicacci, Giancarlo Di Nunzio e Piercelso Mezzadri: è qui che si apre il vaso di Pandora dei soldi della P2, affrontato in questo processo ma non concluso.

Sì, è solo l’inizio…

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Isernia, arrestato il direttore provinciale dell’Agenzia delle Entrate: “Tentata concussione ai danni di Dr Automobiles”

next
Articolo Successivo

Eternit bis, a Napolit Schmidheiny condannato a 3 anni e 6 mesi per omicidio colposo. Prescritti altri sette casi

next