Furto nelle tenute di Al Bano Carrisi, a Cellino San Marco (Brindisi). I ladri sono fuggiti con oltre 200 pali in ottone sradicati all’interno dei vigneti di negramaro, un bottino da poco più di 3mila euro. “Fa male al cuore – commenta Al Bano -. Ne hanno fatto parecchi in questi anni, ed ogni volta si prova tanta amarezza. Tu fai le cose con tanto amore, poi arriva qualcuno, per un capriccio o per un bisogno di soldi, e ti provoca questi danni. Ci sono uomini che costruiscono e uomini che distruggono: bisogna difendersi dai secondi”.

E ancora: “Tu fai le cose per bene. Dedichi tanto tempo alla tua terra e lo fai con amore e passione. Poi, però, di colpo – conclude – arriva chi invece distrugge il tuo lavoro: hanno tagliato fili, tolto i pali, creando un danno all’interno dei vigneti, oltre che un disservizio”. Indagano i carabinieri della stazione di Cellino San Marco. Proprio nei giorni scorsi Al Bano aveva annunciato la sua decisione di ospitare nella sua tenuta dei profughi ucraini in fuga della guerra.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Instagram down, sul social messaggi di errore: “Impossibile aggiornare il feed”. Ecco cosa sta succedendo

next