Nella tenuta di Al Bano Carrisi, a Cellino San Marco, dalla serata di oggi 17 marzo abiteranno tre profughi ucraini. Ad annunciarlo è stato lo stesso cantautore all’AGI, spiegando che una mamma con la sua bimba e un ragazzo di 17 anni saranno suoi ospiti. “Una mia cugina da anni ha rapporti con la comunità ucraina, oggi arriverà un gruppo di cinque persone, tre staranno in casa mia, mi sembra giusto e doveroso”, ha spiegato. “Ho cantato per Putin, mi è piaciuto in passato e ora non mi piace più, ma mi è dispiaciuto, in questi giorni, vedermi definito ‘amico di Putin’ – ha precisato -, l’ho conosciuto, ho cantato per lui, ma purtroppo non sono un suo amico, altrimenti gli avrei consigliato di far parlare l’intelligenza”.

“La Guerra in Ucraina? È uno scontro tra due potenze – Usa e Russia – e forse un minimo di ragione Putin ce l’ha, ma sull’attacco all’Ucraina ha completamente torto, è inaccettabile e la società civile si rifiuta di continuare a vedere le immagini di morte e devastazione che ci arrivano quotidianamente”, ha aggiunto il cantautore. Infine ha concluso: “Come si fa a girarsi dall’altra parte quando l’umanità ti chiama? Fino adesso sono sempre stato chiamato a cantare, adesso sono chiamato a fare queste opere di umanità, niente di straordinario. Quel che è certo è che non mi aspettavo per niente un atteggiamento ed un’azione del genere di Putin, che sta commettendo uno dei suoi più grandi errori”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Annie Lennox e la risposta a tale Jason Strummmer (no, non c’entra Joe): “Invecchiata ma ancora arrabbiata”. Ecco cosa è accaduto

next
Articolo Successivo

Belonika, la food blogger russa indagata dal governo per fake news: rischia 15 anni. E cosa sta accadendo ai più noti influencer russi?

next