Il Centro di Accoglienza Padre Nostro, fondato dal Beato Giuseppe Puglisi, dopo aver custodito per circa 20 anni l’Auditorium comunale Giuseppe Di Matteo, il 22/10/2020 lo ha riconsegnato alle risorse immobiliari del Comune di Palermo.

Uno dei tantissimi servizi che il Centro offriva agli abitanti della città di Palermo ed in particolare a quelli della II circoscrizione, presso l’Auditorium, era quello rivolto a circa 100 anziani. All’interno dello stesso gli anziani organizzavano spettacoli teatrali, visionavano film, partecipavano a corsi di computer, di ceramica, organizzavano le sfilate e le feste di carnevale, prendevano parte ad eventi ed occasioni di confronto con i giovani etc etc. Ebbene, da più di 1 anno l’immobile è abbandonato a se stesso e ad oggi versa in una situazione di degrado ed incuria: già è andato fuori servizio l’impianto di allarme ed antincendio, l’autoclave è fuori uso, l’umidità ha scrostato dalle pareti la vernice ed il controsoffitto cade a pezzi a causa dell’infiltrazione d’acqua.

C’è stato negli ultimi anni tra i vari assessori che si sono succeduti (3 assessori in 5 anni) ed i vari dirigenti un rimpallo per la nuova assegnazione dell’Auditorium, che, già da oltre un anno, si prevedeva dovesse essere consegnato alla II circoscrizione.

Ma ad oggi nulla di fatto.

L’8 febbraio 2022 il gruppo degli anziani che da anni frequenta il Centro di Accoglienza Padre Nostro, ha scritto una lettera al sindaco di Palermo, prof. Leoluca Orlando, e all’Assessore al Patrimonio, Tony Sala, nella quale viene chiesto loro di riconsegnare al territorio di Brancaccio i locali dell’Auditorium Giuseppe Di Matteo, sito in via San Ciro, 15.

Questo luogo per gli anziani del quartiere riveste grande importanza in quanto è stato uno spazio di incontro, di relazione, svago ed anche di conforto alla solitudine.

In data 11.02.22, il Presidente della II circoscrizione del Comune di Palermo, Mario Greco, congiuntamente al gruppo degli anziani, ha ufficialmente firmato la lettera che è stata inviata al sindaco e all’Assessore (qui l’originale manoscritta), accompagnata dall’immensa speranza di potersi incontrare nuovamente all’Auditorium.

Già questo potrebbe bastare ma ciò che questi locali dovrebbero ricordarci per sempre rende ancor più umiliante ed amara la situazione.

In primis: l’Auditorium è intitolato a Giuseppe Di Matteo, il bambino sciolto nell’acido dalla mafia. Inoltre, l’Auditorium è un luogo sacro in quanto è lì che il Beato Giuseppe Puglisi celebrò la Santa Eucaristia per più di due anni per la comunità di Brancaccio, compresa l’ultima messa prima di essere barbaramente ucciso dalla mafia.

Ma il popolo palermitano che non sa avere pietà per i propri morti, lasciandone 1000 insepolti, può avere rispetto per i propri Martiri?

Anche il vincitore Achille, dopo aver ucciso il valoroso principe troiano Ettore, concede una tregua armata di undici giorni ai soccombenti Troiani per la celebrazione di riti funebri, ponendosi contro il Re Agamennone che conduceva l’attacco dell’esercito degli Achei contro i Troiani. Egli voleva sfruttare il vantaggio dello smarrimento dell’esercito troiano per la morte di Ettore. Ma Achille non poté rimanere sordo d’innanzi alle preghiere di Priamo che chiese per suo figlio Ettore una degna sepoltura.

Mitologia, storia antica, immaginazione? Accadimenti lontani nel tempo?

No. Storie di valori dell’uomo e della sua dignità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brescia, arrestato il sindaco di Berzo Demo. L’accusa: “Irregolarità nella gestione delle gare di appalto del comune”

next
Articolo Successivo

“È un cesso, una sedia pieghevole di plastica”: il vescovo di Agrigento sostituisce la cattedra del duomo e tra i fedeli scatta la rivolta

next