Con la scritta ”Gli immaturi siete voi”, stampata sullo striscione di apertura, gli studenti delle scuole romane scendono di nuovo in piazza, questa volta per protestare contro la reintroduzione delle prove scritte all’esame di maturità. “Chiediamo un incontro con il ministro dell’Istruzione Bianchi – spiega Leonardo Soffientini, coordinatore della Rete degli Studenti medi della capitale – perché noi vorremmo un esame basato solo sulla tesina e sulla prova orale”.
“Non ci è stata garantita la didattica tradizionale – aggiunge una maturanda – per quasi due anni siamo stati totalmente in Dad e anche ora non siamo tornati alla normalità“. Ma i test scritti sono solo una delle lamentele degli studenti: ”Non abbiamo abbastanza mezzi, non abbiamo spazi per socializzare e le nostre scuole cadono a pezzi – urla una ragazza al megafono durante il corteo. La manifestazione, organizzata dalla Rete degli Studenti medi e da Osa, Opposizione Studentesca d’Alternativa, è partito intorno alle 10.00 da Piramide per arrivare verso le 13.00 sotto al ministero dell’Istruzione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Milano, blitz degli studenti al provveditorato con striscioni e fumogeni: “Non si può morire di scuola” – Video

next