L’epidemia di Covid non si arresta in Israele, dove si è registrato un nuovo record di contagi: i casi sono stati 83.088 con un tasso di positività al 23,23%. Inoltre nel solo mese di gennaio, la variante Omicron – secondo quanto riporta il sito Ynet – ha già infettato il 10% della popolazione. In base ai dati del ministero della sanità, riferiti da Ynet, da inizio mese fino ad oggi gli israeliani che hanno preso il Covid sono stati 1.000.225. I casi gravi – anche questi in salita – sono attualmente 814. È salita ancora l’incidenza settimanale dei contagi in Germania, dove il Robert Koch Institut ha registrato 840,3 infezioni su 100mila abitanti, (ieri questo indicatore era di 806,8). I nuovi casi nelle 24 ore sono stai 63.393 e i decessi 28, dati che risentono dell’effetto weekend. L’indice di ospedalizzazione nelle terapie intensive è di 3,77 pazienti su 100 mila abitanti. La Germania finora è stata colpita in modo relativamente lieve dall’ondata provocata dalla variante Omicron, che sta prendendo terreno in questi giorni: il picco è atteso per metà febbraio, quando stando alle previsioni del ministro della Salute si potrebbe arrivare a centinaia di migliaia di nuovi contagi al giorno.

Diverse le notizie che arrivano da Londra. Niente più obbligo di test anti Covid dall’11 febbraio per chi viaggia in Inghilterra e sia pienamente vaccinato. La decisione accelera il cammino verso la revoca delle misure restrittive da parte del governo Tory sullo sfondo di una curva di contagi e ricoveri in ospedale in calo da un paio di settimane nel Regno, dopo l’ondata causata dalla variante Omicron. Si tratta di un cambiamento, molto atteso dall’industria del turismo e dai vettori aerei, dopo molti mesi segnati dal vincolo del tampone negativo. Il Regno Unito aveva già alleggerito la prescrizione a inizio anno, con l’abolizione del doppio test molecolare imposto ai viaggiatori sulla scia dell’allerta Omicron e la sua sostituzione con un semplice test antigenico entro il secondo giorno dopo l’arrivo.

In Francia è invece è entrato in vigore il nuovo “pass vaccinale”, equivalente al Super green pass italiano, che prende il posto del “pass sanitario”. Il nuovo pass che certifica il ciclo completo di vaccinazione è obbligatorio per tutte le persone di oltre 16 anni che vogliono entrare in un bar o ristorante, prendere il bus, il treno o accedere a qualsiasi locale con pubblico, dove ormai la certificazione di un test negativo non basta più se non per accedere ad ospedali e servizi sanitari. Altra eccezione, voluta dal Consiglio Costituzionale, non potrà essere considerato obbligatorio per partecipare a un comizio politico in questi 80 giorni che separano dal voto per le presidenziali. Via libera in Belgio alla quarta dose di vaccino contro il coronavirus per i soggetti immunodepressi. Stando agli ultimi dati, circa il 77% dei quasi 11,5 milioni di abitanti del Belgio sono adesso totalmente vaccinati e circa 6,3 milioni di belgi ha ricevuto una dose booster.

Per quanto riguarda gli Usa lo scienziato Anthony Fauci, immunologo e consigliere della casa Bianca, è cautamente ottimista sul fatto che l’ondata di Omicron stia raggiungendo il picco negli Stati Uniti e che i casi possano scendere a livelli gestibili nelle prossime settimane e mesi. “Quello che speriamo – ha detto ad Abc – è che mentre entriamo nelle prossime settimane o mese vedremo in tutto il paese il livello di infezione scendere al di sotto di quella che io chiamo area di controllo”. Questo non significherebbe estirpare il Covid: i casi continueranno, ha spiegato Fauci, precisando però che “non sconvolgerebbero la società. Questa è la migliore delle ipotesi”. In maniera simile al rapido aumento e all’altrettanto rapido calo dei casi di Omicron in Sudafrica e Gran Bretagna, i nuovi contagi negli Usa stanno ora diminuendo nel nord-est e in parte del Midwest. “Ci sono ancora alcuni stati nel sud e nella zona occidentale dove continuano a salire – ha proseguito il virologo – ma se il modello segue la tendenza di altri luoghi come il nord-est, credo che cominceremo a vedere un’inversione di tendenza in tutto il Paese”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Messico, uccisa a colpi di pistola sotto casa la giornalista Lourdes Maldonado López. In tre anni sono 50 i reporter assassinati

next