Apposta o no? Dopo le polemiche Marco Melandri torna sui suoi passi e smentisce di essersi contagiato di proposito. “Per una battuta ironica è uscita una tempesta..Mi spiace ma non lo ho contratto volontariamente e non sono stato a contatto con un positivo… Scherzando dissi ‘se sarò positivo sarà per necessità cosi avrò il Green Pass'”. La bufera era montata dopo che le agenzie hanno battuto il contenuto di una intervista che lo stesso ex pilota aveva concesso a mowmag.com. “Mi sono dovuto contagiare per necessità, dovendo lavorare e non considerando il vaccino un’alternativa valida”, aveva dichiarato Melandri . Dopo aver annunciato di essere stato contagiato da un vaccinato, Melandri ha raccontato la sua vicenda a Man on wheels (“Uomini su ruote”) : “Sto bene, fin dall’inizio del tutto asintomatico. Sono già negativo da un po’ di tempo, ma chi non ha il green pass deve comunque rimanere in castigo per dieci giorni: se non hai la tesserina verde devi rimanere a casa in punizione di più”. Ma non ci sta a essere chiamato no vax: “Io non ho niente contro i vaccinati, come chiaramente non ho nulla contro i non vaccinati. Io sono contro le violazioni della libertà”.

Per Melandri le misure messe in campo dai governi, come il Green pass, sono “un ricatto: lo userò solo per lavoro e se devo accompagnare mia figlia. Sono disposto a utilizzarlo solo per lo stretto necessario”. “La Costituzione ci dice che siamo liberi di scegliere e di sceglierci con cosa curarci, mentre questo governo ci ha definitivamente cagato sopra. E sono molto preoccupato per il proseguo”, ha detto continuando l’intervista. Non solo il problema del certificato verde, però. Al centro delle preoccupazioni del centauro ravennate c’è proprio l’arma più efficace per combattere il virus: il vaccino. “Conosco molte persone con due dosi che provano a infettarsi per evitare la terza”, ha dichiarato.

Ho preso il virus perché ho cercato di prenderlo, e, al contrario di molti vaccinati, per contagiarmi ho fatto una fatica tremenda“, ha detto in tono ironico l’ex campione 250, che ha rivelato che alla fine a contagiarlo è stato proprio un vaccinato. Ha spiegato che lo ha fatto per “potere essere in regola almeno per qualche mese e non è stato nemmeno facile”. Un’intervista in cui l’ex MotoGp sembra quasi sminuire il coronavirus e le sue gravi conseguenze, dichiarando candidamente che “se non mi avesse chiamato un ragazzo per dirmi che era positivo dopo essere stato a contatto con me non me ne sarei nemmeno accorto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, rapinarono disabile in carrozzina sulle scale della metropolitana: arrestate due persone

next