Anche le manifestazioni sono andate in vacanza ma, finita la pausa natalizia, tornano a Milano i no vax e no green pass. Sono gli ultimi irriducibili: poco più di un centinaio si sono radunati all’Arco della Pace per riprendere la tradizionale protesta del sabato milanese. Un microfono e un amplificatore per un improvvisato sit-in (autorizzato dalla Questura) dove una decina di esponenti del movimento milanese si sono alternati in interventi contro i nuovi decreti del governo. Tra inviti alla disobbedienza civile, il rifiuto del vaccino (definito “siero assassino”) e spinta per convincere chi già si è vaccinato ad aderire alla protesta, non mancano le teorie complottiste con riferimento ai microchip e alle leggi marziali. In tanti hanno raggiunto l’Arco della Pace in bici: da settimane è, infatti, obbligatoria la certificazione verde per utilizzare i mezzi pubblici e da lunedì sarà necessario il super green pass per accedere a metro, tram e bus. Nonostante siano lontani i numeri degli scorsi mesi, i no vax milanesi si ridanno appuntamento alla settimana prossima per l’ennesimo sabato di protesta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Peste suina, Coldiretti: “Emergenza sanitaria per mancata prevenzione e attenzione ai cinghiali. Nominare commissario”

next
Articolo Successivo

Torino, nella piazza dei no green pass Agamben e Freccero non si presentano. C’è solo Ugo Mattei: “Governo Draghi paragonabile al fascismo”

next