Stasera 8 gennaio alle 21.15 torna Eden – Un pianeta da salvare, il programma condotto da Licia Colò su La7. La nuova edizione permetterà al pubblico di immergersi in nuovi spettacolari paesaggi e di conoscere più approfonditamente la natura e l’ambiente in cui viviamo. Nei primi viaggi della nuova stagione della trasmissione, Licia Colò accompagnerà i telespettatori nel mare delle isole Egadi e alla scoperta di Todi (Umbria), per spostarsi infine sull’Altopiano di Asiago. Intervistata dal Corriere, la presentatrice ha detto: “Si parla sempre di come investire nell’energia rinnovabile, ma il principio che non ci entra in testa è che l’energia green non esiste e al momento non esisterà mai. Parlare di energia verde è una contraddizione perché produrla ha comunque un costo ambientale, più o meno elevato, ma ce l’ha. La verità è che non siamo disposti a rinunciare a qualcosa, ma l’obiettivo deve essere riuscire a consumare meno energia”.

Poi ha tuonato: “Mi dispiace che non ci siano grandi influencer che promuovano il risparmio energetico, che non siano alfieri di un modo di vivere più sostenibile; sanno solo fare pubblicità a vestiti, borse, scarpette; ti fanno vedere che hanno l’aereo privato per viaggiare… a me tutto questo mette tristezza“. “Sto conducendo una personale battaglia sullo spreco alimentare, anche se mia figlia 16enne mi prende in giro perché dice che la affamo e la denutro – ha aggiunto cercando di smorzare i toni su un fenomeno decisamente diffuso e drammatico -. Visto che in casa avanzava sempre qualcosa ho deciso di portare in tavola dei piatti microscopici: ora mia figlia non lascia più niente. Mi dà un fastidio micidiale buttar via mezzo piatto di pasta o peggio ancora un pezzo di carne, un essere vivente, nato, cresciuto e ucciso. Mangiarlo deve essere un lusso, non si può sprecare così. Io sono contraria agli allevamenti intensivi, vorrei fossimo tutti vegetariani anche se sono la prima a non esserlo”.

Infine una battuta su Greta Thunberg, la giovanissima attivista svedese per lo sviluppo sostenibile e contro il cambiamento climatico: “Se ci fossero mille Greta saremmo in un mondo migliore, è riuscita a far parlare di ambiente, a smuovere le coscienze, a rompere le scatole. Mi dispiace invece che per molti sia stata l’occasione di dividere il mondo in pro Greta e contro Greta. Questi due anni di pandemia hanno messo in secondo piano l’ambiente, lei può essere uno spot formidabile, ma poi ci vogliono i governi che realizzino i progetti”, ha concluso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tali e Quali 2022, al via il nuovo programma condotto da Carlo Conti su Rai 1: ecco tutto quello che c’è da sapere

next
Articolo Successivo

Morta improvvisamente Kim Mi-Soo, addio alla star delle serie tv Disney+ e Netflix: aveva 29 anni, giallo sulle cause del decesso

next