Paolo Cognetti – La felicità del lupo (Einaudi)
Paolo, ci si permetta una confidenza amichevole, a noi che è stato concesso di vedere e prevedere il tutto, ha raggiunto la vetta della sua letteratura. La felicità del lupo è un romanzo semplicemente sublime. Denso e serissimo nella sua estrema suggestiva rarefazione dello spazio (Fontana Fredda, paese nascosto di montagna in inverno tra animali selvatici, una pista da sci e un rifugio vero – Il Pranzo di Babette); delicatamente e parzialmente biografico nell’isolamento psicofisico del protagonista ora cuoco Fausto, scrittore bloccato, impacciato, separato, mescolato a (pochissima) gente di montagna tra cui l’incontro con la cameriera giramondo Sara; infine magicamente e silenziosamente evocativo verso una dimensione naturale (i mesi che passano, i profumi, le sensazioni) che si impone per austera meraviglia, l’ultimo Cognetti vive di una scrittura essiccata, all’osso, eppure tremendamente vibrante di vita e di rimpianto, di fragilità e di lampi ebbri di una felicità sottile e sfuggente. Il tratto poetico cognettiano è preciso, perentorio, inesausto. La trama ingrana, si srotola, attecchisce robusta, poi sembra come trascendere ben oltre il tempo del reale (“dove la neve svanisce le storie si interrompevano”). E su tutti un lupo che osserva.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scoperto un embrione di dinosauro di 70 milioni di anni fa: “Baby Yingliang” è rannicchiato all’interno di un uovo – VIDEO

next
Articolo Successivo

La lite tra un cane-robot e un bassotto è impressionante e fa riflettere: è questo il futuro che ci attende?

next