Una villetta a due piani è crollata poco prima delle 6.30 di mattina a San Felice a Cancello, vicino Caserta, per una fuga di gas. Sotto le macerie una coppia di 74enni, Mario Sgambato e la moglie Giuseppina: quest’ultima è stata localizzata grazie all’aiuto dei cani molecolari e risponde ai richiami dei soccorritori ed è stata estratta viva. Circa cinquanta uomini dei Vigili del fuoco hanno impiegato oltre tre ore per salvarla, scavando anche a mani nude. Le è stato dato l’ossigeno ed è stata posta su una barella, affidata ai sanitari del 118. Presenta diverse escoriazioni ed ustioni sul corpo e i sanitari stanno valutando l’ipotesi di trasferirla al centro grandi ustionati del Cardarelli di Napoli. Invece è stato ritrovato il cadavere del marito, Mario Sgambato, travolto da due solai. Le altre sei famiglie che risiedevano nello stabile sono riuscite a scappare in tempo e sono incolumi.

I due anziani, entrambi pensionati, abitavano al piano rialzato: entrambi sono attivi come volontari, lui della Protezione civile comunale e la moglie nella chiesa poco distante di Sant’Alfonso Maria de’ Liguori. La ricostruzione più probabile è che il gas abbia riempito una stanza e che l’accensione di una lampadina al primo mattino da parte dei due anziani abbia causato l’esplosione. I residenti dei palazzi attigui, tutti scesi in strada, hanno raccontato di aver sentito il boato e pensato a un “forte terremoto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Donna si incastra con il parapendio nei cavi dell’alta tensione: salvata dai Vigili del fuoco

next
Articolo Successivo

Un premio di 360 euro per non “ammalarsi”: la strategia dell’azienda dei rifiuti di Roma per ridurre l’assenteismo nel periodo di Natale

next