“Devo ringraziare i vertici nazionali del Partito Democratico per aver accolto l’autonomia del territorio provinciale di Torino. Fa parte della democrazia avere una discussione e in una logica di dialogo ci può stare che autorevoli dirigenti politici abbiano chiavi di lettura diverse”. Il neo eletto sindaco di Torino Stefano Lo Russo usa queste parole per ricostruire il percorso politico che lo ha portato prima alla candidatura e alla vittoria al ballottaggio senza l’apporto del Movimento 5 Stelle. Una scelta che potrebbe sembrare in contro-tendenza rispetto alle dinamiche nazionali: “Ma il PD è stato capace di ascoltare i territori – chiude Lo Russo – e ha consentito questa vittoria con un ampio margine”. E quando gli si chiede un commento sulle dinamiche nazionali risponde: “Mi occupo di Torino non delle questioni di alleanze”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni 2021, Letta: “Conferenza stampa di Salvini surreale, risultato clamoroso ovunque che non ammette discussioni”

next