Anche il Senato si adegua alle disposizioni previste dall’ultimo Dpcm sull’uso del green pass all’interno dei locali pubblici. Così, dal 15 ottobre, per coloro che non potranno esporre il certificato è prevista la sospensione con il relativo taglio della diaria. Lo annunciano in una nota congiunta i Senatori Questori Antonio De Poli, Laura Bottici e Paolo Arrigoni.

“Il Senato si è adeguato alla normativa generale sull’obbligo del green pass – si legge nella nota – Da venerdì 15 ottobre scatta l’obbligo di esibire la certificazione verde Covid-19, rilasciata in conformità alle disposizioni vigenti, per accedere alle sedi del Senato”. E per i trasgressori, così come per, ad esempio, dipendenti delle aziende e datori di lavoro, sono previste delle sanzioni: “Per i senatori che dovessero violare l’obbligo della certificazione – spiegano i Questori – sono previste sanzioni, tra cui la sospensione fino a dieci giorni, con il relativo taglio della diaria, che verrà disposta dal Consiglio di presidenza. La verifica della certificazione verrà effettuata mediante l’utilizzo della App Verifica C19 con l’impiego di dispositivi digitali di proprietà del Senato della Repubblica”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il green pass a Trieste spacca anche l’asse tra i portuali e il presidente della Port Authority D’Agostino: “Vuole dimettersi? Arrivederci”

next
Articolo Successivo

Sardegna, Volotea si aggiudica per sette mesi la continuità territoriale: via dal 15 ottobre. Ma prenotare o avere informazioni è impossibile

next