Carlo Calenda, candidato s sindaco a Roma, ha votato questa mattina al suo seggio, insieme alla moglie. “Lei mi accompagna al voto da 30 anni, da quando avevo 18 anni è la mia compagna di vita”. Poi ha scherzato coi giornalisti. “Anzi, mo’ la aspetto sennò me corca…“. Piccolo intoppo per il leader di Azione: stava lasciando il seggio senza il documento d’identità (il passaporto) ed è stato richiamato dal presidente.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Comunali 2021, oggi si vota: come, dove e gli orari – La guida completa

next
Articolo Successivo

Comunali, affluenza al rallentatore: alle 23 ha votato il 41,6% degli elettori: 20 punti in meno di 5 anni fa. In Calabria ai seggi meno di uno su 3

next