Nuovo tavolo al Mise per discutere della vertenza Whirpool. Circa 200 lavoratori sono partiti da Napoli per manifestare di fronte al ministero dello Sviluppo economico e per chiedere di tenere aperto lo stabilimento partenopeo. “Chiediamo al governo fatti concreti e di rilanciare la questione meridionale che è una questione italiana. La legalità deve essere trasformata in dignità del lavoro. Non chiediamo l’elemosina, chiediamo dignità, diritti e lavoro” ha detto Aboubakar Soumahoro, sindacalista e leader dei braccianti, presente alla manifestazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La classe lavoratrice della Gkn ci indica la strada per la ripresa, quella vera

next
Articolo Successivo

La quarantena resta senza indennità Inps. Fonti di governo: “Il rifinanziamento non arriverà durante il cdm di oggi”

next