Il consiglio regionale della Puglia cambia idea. È stato cancellato il Trattamento di fine mandato (Tfm), reintrodotto con voto unanime a fine luglio, a distanza di otto anni dalla sua eliminazione all’epoca della giunta Vendola. A far cadere la norma è stato il voto a favore dell’emendamento abrogativo presentato dal centrodestra. Il tfm era stato oggetto di critiche da più fronti: sindacati, organizzazioni datoriali (Confindustria Puglia in testa) e opinione pubblica. Lo stesso presidente della Regione, Michele Emiliano, aveva a più riprese sottolineato l’inopportunità di avere reintrodotto l’assegno di fine mandato che avrebbe garantito circa 35mila euro a ogni consigliere alla fine della legislatura.

Pesanti anche le dichiarazioni a favore dell’abolizione da parte dei leader di Pd e M5s, Enrico Letta e Giuseppe Conte, con i quali proprio Emiliano avrebbe dialogato. “Mi chiedono cosa pensi della scelta del Consiglio regionale della Puglia di reintrodurre il Tfm per i consiglieri regionali. Semplice, sarebbe bene che il gruppo del Pd pugliese tornasse sui suoi passi e che il Consiglio si occupasse di altri problemi”, aveva twittato Letta. Anche il leader del M5s, in tour elettorale in Puglia, aveva preannunciato: “L’assegno di fine mandato verrà abrogato“. I gruppi in Consiglio, convocati ieri dallo stesso Emiliano per un confronto, hanno perciò scelto di fare un passo indietro. La maggioranza di centrosinistra, per permettere anche a Emiliano di partecipare (oggi il governatore era assente per motivi familiari) avrebbe voluto rinviare la discussione e la votazione al prossimo 28 settembre, ma il centrodestra ha depositato l’emendamento abrogativo della norma. Dopo quasi due ore di botta e risposta, si è arrivati alla votazione: all’unanimità il Tfm è stato cancellato. Almeno per ora, perché in Aula, è stato più volte ribadito che “il trattamento di fine mandato è legittimo“, ma sarebbero “state sbagliate” le modalità con cui è stato riattivato e la tempistica. Durante la seduta, i consiglieri pugliesi hanno ricordato come il Trattamento di fine mandato sia applicato in 16 Regioni su 20.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ugo Rossi, arrestato il candidato sindaco del Movimento 3V a Trieste: prima litiga sulle mascherine, poi aggredisce i Carabinieri

next
Articolo Successivo

Processo civile, i contenuti della riforma: nasce il Tribunale per la famiglia e i minori

next