Era riuscito a scappare di prigione per ben cinque volte, da oggi tornerà dietro le sbarre. È stato arrestato a Bolzano Max Leitner, l’altoatesino che grazie alle sue fughe rocambolesche si è guadagnato presso le cronache nazionali il soprannome di “re delle evasioni“. Come riferisce Rai Alto Adige, l’uomo è stato fermato insieme a una seconda persona dopo una sparatoria nei pressi di un locale notturno: nell’auto in cui si trovava la polizia ha trovato anche armi. Nel passato di Leitner, 63 anni, ci sono una lunga serie di rapine a banche e furgoni portavalori – “Non posso dire quante”, dichiarò in un’intervista – iniziate negli anni Ottanta, cui hanno fatto seguito condanne complessive per 28 anni di carcere: circa duecento i penitenziari di cui è stato ospite in Italia e all’estero. Nel corso degli assalti, però, nemmeno un colpo è stato sparato e nessuno è mai stato ucciso o ferito. Il tutto lo ha raccontato lui stesso in un libro autobiografico pubblicato nel 2019.

Nel 2011, dopo essere scappato per la quinta volta dal carcere di Asti – dove doveva scontare il resto della sua pena detentiva fino al 2019 – il rapinatore era stato bloccato dai militari del comando provinciale dei carabinieri di Bolzano in una villetta di Vandoies, in Val Pusteria. Ad averli condotti sulle sue tracce anche elementi emersi da un filmato postato su YouTube nel quale l’uomo aveva tra l’altro chiesto la grazia al Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. “Egregio dottor Giorgio Napolitano, Capo dello Stato, sono Max Leitner, una povera vittima di persecuzione. Le chiedo gentilmente di provvedere se potrò ottenere la grazia per poter vivere una vita normale e leale”, scriveva il pluripregiudicato, spiegando di essere gravemente ammalato e definendosi ”la più povera vittima di ingiustizia di tutti i tempi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Camorra, arrestato a Malaga latitante affiliato al clan Vanella-Grassi: era in fuga da maggio

next
Articolo Successivo

Green pass, il Consiglio di Stato: “La richiesta di esibirlo non viola la privacy. È prevalente l’interesse pubblico alla ripresa economica”

next