Era impegnato nella manutenzione in un cantiere lungo l’Autostrada del Sole (A1), nei pressi di Parma, quando il mezzo su cui si trovava è stato travolto. È morto così, attorno alle 15 di lunedì, un dipendente di una società che lavora in appalto per Autostrade per l’Italia. L’incidente è avvenuto all’innesto fra l’A1 e l’A15. L’operaio si trovava su un autocarro e stava segnalando un cantiere lungo la corsia di emergenza, quando un camion diretto verso Milano ha sbandato dalla prima corsia e ha colpito in pieno il furgone di servizio. L’uomo è morto sul colpo, l’autostrada è stata momentaneamente chiusa all’altezza dell’incidente.

Si tratta del quarto decesso sul lavoro in pochi giorni. Ieri a Ghizzano, vicino Pisa, ha perso la vita un 33enne: stava tagliando un albero in un agriturismo. Lo scorso venerdì è invece toccato a un uomo nel Riminese. L’operaio 50enne, originario della Campania, era rimasto coinvolto il giorno prima in un incidente mentre lavorava con grossi pezzi di tubature a Molino di Sant’Antimo, frazione di Sant’Agata Feltria in Alta Valmarecchia. All’incirca nelle stesse ore un altro morto – 39 anni – in un azienda di laterizia tra il Potentino e il Barese. Gli sarebbero crollati addosso dei materiali da costruzione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Prato, ritmi massacranti a 2 euro l’ora: arrestati per sfruttamento i tre gestori di un’azienda di confezionamento

next