Un camionista 47enne, Massimo Amici – originario del Maceratese – è morto asfissiato all’interno dell’autocisterna che guidava, in cui si era calato forse per recuperare una guarnizione caduta. Lavorava come collaboratore di una cooperativa di trasporti. L’incidente nella notte tra venerdì e sabato a Fidenza, in provincia di Parma, sul retro dello stabilimento della Giotti, importante azienda di imbottigliamento.

Secondo quanto ricostruito dai Carabinieri, dopo aver scaricato del vino, il lavoratore stava arieggiando il mezzo quando ha deciso di scendere nell’autocisterna dalla botola superiore, rimanendovi intrappolato. Inutili i tentativi di rianimazione e l’intervento dei Vigili del fuoco. Sul posto è intervenuto anche il magistrato di turno, il pm Andrea Bianchi della Procura di Parma: il mezzo è stato sequestrato e sulla salma sarà eseguita l’autopsia. Secondo l’Osservatorio nazionale morti sul lavoro di Bologna, i decessi sul luogo di lavoro o in itinere sono già più di 1.030 dall’inizio del 2021.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Reddito di cittadinanza, Gentiloni: “Eliminarlo sarebbe errore micidiale”. E Salvini annuncia un emendamento per cancellare i fondi

next
Articolo Successivo

Reddito cittadinanza, non solo Meloni e Salvini: a Cernobbio gli imprenditori accusano ancora i percettori con “la teoria del divano”. Nonostante sia smentita dai dati

next