Il crocifisso in classe si può esporre solo se c’è accordo. Questa la decisione della corte di Cassazione che con la sentenza n. 24414 stabilisce un punto fermo nella vicenda che ha visto contrapposti il docente Franco Coppoli, contrario all’esposizione del simbolo religioso, e il suo dirigente scolastico, che con in seguito a a una delibera assunta a maggioranza dall’assemblea di classe – lo aveva invece imposto all’insegnante. La Cassazione ha infatti stabilito che è possibile “Accogliere la presenza del crocifisso quando la comunità scolastica interessata valuti e decida in autonomia di esporlo, eventualmente accompagnandolo con i simboli di altre confessioni presenti nella classe e in ogni caso ricercando un ragionevole accomodamento tra eventuali posizioni difformi”. L’Uaar – Unione degli atei e degli agnostici razionalisti, di cui fa parte Coppoli – esprime “viva soddisfazione per l’accoglimento del ricorso da lei patrocinato e che ha finalmente sancito nero su bianco la non compatibilità del crocifisso con lo stato laico”, commenta Adele Orioli, responsabile delle iniziative giuridiche dell’associazione. “Anche se rimangono aperti non pochi profili problematici è grande la soddisfazione nell’aver potuto difendere la legittima posizione di un insegnante di scuola pubblica”, precisa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Perché la foto della professoressa in abito da sposa non è un’immagine da cartolina

next