“Stiamo cercando di creare un piccolo corridoio umanitario per salvare le nostre collaboratrici in Afghanistan e non solo. Donne che hanno sempre lavorato per i diritti e l’emancipazione delle donne e che oggi sono finite nel mirino dei talebani che stanno facendo rastrellamenti casa per casa per trovare tutte le persone che hanno collaborato con gli occidentali”. Lo racconta Luca Lo Presti, presidente della Fondazione Pangea Onlus impegnato da 18 anni sul fronte dell’emancipazione femminile in Afghanistan. Molti documenti a Kabul sono stati distrutti dalle operatrici: “Rischiano la loro vita, lo stupro, cose che non vogliamo neanche immaginare: diventa importante metterle in sicurezza

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Afghanistan, l’associazione che riapre le scuole e distribuisce libri casa per casa: “Non fate chiudere le classi. Ne va del nostro futuro”

next
Articolo Successivo

Gino Strada, mantenere viva la sua memoria è la cosa più importante da fare oggi

next