I clan mafiosi sono “pronti ad approðfittare della situazione emergenziale attuale”. A confermarlo, dopo gli allarmi di investigatori e addetti ai lavori nei mesi scorsi, è la Relazione sull’attività delle mafie durante l’emergenza da Covid 19, svolta dalla Commissione parlamentare d’inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni criminali. La relazione è stata pubblicata sui siti di Camera e Senato.

“Le diverse organizzazioni agiscono lungo due direttrici – è scritto nel documento -, con una strategia conservativa volta a mantenere il controllo e rafforzare tanto la presenza nei settori economici già abbondantemente infiltrati, quanto il controllo sociale sui territori e i gruppi sociali con una strategia di attesa delle occasioni”. Secondo la relazione “tutto questo è possibile grazie alla gigantesca disponibilità di denaro accumulato, di liquidità presente nelle mani dei mafiosi, al cospetto di un Paese che si va impoverendo ulteriormente con un tasso pari al 6,4 per cento secondo i dati dell’Istat. Senza tema di smentita possiamo parlare di un vero e proprio attacco allo Stato“.

Secondo il deputato del Pd, Paolo Lattanzio, la relazione “rappresenta il frutto di un anno di lavoro del Comitato che presiedo e un lavoro di analisi dei fenomeni e dei trend di aggressione mafiosa delle economie e delle comunità sociali e contiene alcune proposte di intervento condivise da tutti i partiti. Il lavoro è stato votato all’unanimità lo scorso giugno dalla Commissione Antimafia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Messina Denaro e gli altri 5: ecco chi si sono i “top most wanted”, i latitanti di massima pericolosità . Viminale: “In 10 anni 132 arresti”

next
Articolo Successivo

Giovanni Aiello moriva quattro anni fa: tanti pentiti di mafia ma ancora nessun ‘pentito’ di Stato

next