Programma intenso, molto “italiano” e di alta qualità appare, almeno sulla carta, quello annunciato oggi dal direttore artistico Alberto Barbera per la 78ma Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia che si svolgerà dall’1 all’11 settembre. Con alcune hits già annunciate (Dune di Denis Villeneuve fuori concorso, Madres paralelas di Pedro Almodovar in apertura del concorso..), altre previste (l’attesissimo Spencer di Pablo Larraìn in concorso), e altre ancora vociferate come la cinquina italiana in competizione (America Latina dei gemelli Damiano & Fabio D’Innocenzo, Il buco di Michelangelo Frammartino, Freaks Out di Gabriele Mainetti, Qui rido io di Mario Martone, E’ stata la mano di Dio di Paolo Sorrentino) il line up di Venezia 2021 ha attinto tanto da Hollywood e dallo star system internazionale quanto dall’autorialità pura, da cui naturalmente si attendono piacevoli sorprese. E se dal punto di vista dell’organizzazione il presidente della Biennale Roberto Cicutto non ha generato dubbi sulle norme di sicurezza anti Covid che saranno riproposte come per lo scorso anno (“forse anche più stringenti”), da quello dei contenuti artistici e tematici si ha l’impressione che sarà il festival del “risveglio”, per non usare l’abusata e ambigua parola “riapertura”.

Con 21 titoli in corsa per il Leone d’oro (nel 2020 erano 19) e un cospicuo numero tra Orizzonti, Orizzonti extra, Special Screenings, Fuori concorso (fiction, doc, series) sfileranno sul Lido 59 nazionalità differenti, di cui quella italiana, si anticipava, la più ricca con un numero esorbitante di opere (circa 20 sparse in ogni sezione). Non mancano gli Stati Uniti con lavori a grandi firme (Paul Schrader, la “deb” in regia Maggie Gyllenhaal, Ridley Scott, David G. Green..), la Francia con tre concorrenti (Brizé, Giannoli e Diwan), il grande ritorno di Jane Campion tra le cinque registe in concorso (lo scorso anno erano 8, ma sono state rispettate le proporzioni di presenza dei lavori sottoposti alla selezione).

E l’Italia, si diceva, a far la parte del leone anche laddove non concorre a vincerlo. Tra gli autori nazionali che sfileranno fuori concorso si elencano Leonardo Di Costanzo con Ariaferma, Roberto Andò con Il bambino nascosto, Stefano Mordini con La scuola cattolica; in Orizzonti sono invece inclusi Atlantide di Juri Ancarani, Il paradiso del pavone di Laura Bispuri, La ragazza ha volato di Wilma Labate, La macchina delle immagini di Alfredo C. Di Roland Sejko. Tra i documentari sempre out of competition anche Viaggio nel crepuscolo di Augusto Contento, Deandré#Deandré. Storia di un impiegato di Roberto Lena, Django & Django di Luca Rea e Ezio Bosso. Le cose che restano di Giorgio Verdelli.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sean Penn dà l’ultimatum: “Non torno sul set finché non sono tutti vaccinati”

next
Articolo Successivo

Possession, l’horror spagnolo da saltare sulla sedia: la clip esclusiva – VIDEO

next