“Non torno sul set finché non sono tutti vaccinati”. È questo l’ultimatum lanciato da Sean Penn al cast e alla produzione di Gaslit, la serie tv sullo scandalo Watergate che lo vede protagonista assieme a Julia Roberts. L’attore americano, 60 anni, è stato tra i primi a vaccinarsi e si è detto pronto a fornire aiuto ed organizzare la somministrazione delle dosi a tutti coloro che lavorano alle riprese tramite la sua organizzazione benefica Core, impegnata nella lotta contro il Covid sin dall’inizio della pandemia.

Sean Penn è infatti convinto che i vaccini debbano essere obbligatori per tutti i lavoratori dei set cinematografici o televisivi, così da garantire la massima sicurezza a tutti coloro che vi prendono parte, evitando stop come è successo a Tom Cruise con Mission Impossibile 7. D’altra parte però, proprio questa sua condizione potrebbe ritardare le riprese di Gaslit, con qualche problema per la casa di produzione Nbc Universal.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nanni Moretti dopo il flop a Cannes: “Vedere vincere un film dove una donna rimane incinta di un’auto mi ha fatto invecchiare di colpo”

next
Articolo Successivo

Mostra del Cinema di Venezia 2021, ecco tutti i film in programma: Pedro Almodovar apre, in concorso anche Paolo Sorrentino e Mario Martone

next