Una coppia di ragazze lesbiche è stata aggredita prima verbalmente e poi anche fisicamente mentre prendeva il sole sulla spiaggia di Miseno a Bacoli, in provincia di Napoli. Lo ha denunciato una delle due ragazze pubblicando un video sui social in cui si vedono alcuni momenti dell’aggressione: “Siamo state umiliate soltanto perché volevamo trascorrere una giornata insieme al mare”. Il fatto è avvenuto nello scorso week end e ha avuto per protagoniste due giovani ragazze napoletane, Francesca e Martina, che avevano deciso di trascorrere una giornata di relax al mare. Dopo un abbraccio e un bacio, sono state invitate ad abbandonare la spiaggia per “non creare interrogativi strani nei più piccoli”. Al rifiuto delle ragazze un uomo, accompagnato da parenti ed amici, ha aggredito verbalmente prima e poi anche fisicamente le due ragazze. A nullo è valso l’intervento di alcuni giovani a sostegno delle ragazze. Francesca e Martina hanno ricevuto la solidarietà dei rappresentanti delle istituzioni. Il sindaco della città flegrea, Josi Gerardo della Ragione, ha definito l’episodio “intollerabile” e, dopo averle contattate, ha invitato le due ragazze in municipio. Mentre il consigliere regionale di Europa Verde, Francesco Emilio Borrelli che ha ripubblicato il video ha espresso il proprio sdegno per l’accaduto in uno dei posti più suggestivi del litorale flegreo

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

G8 Genova, avere tre volte vent’anni

next
Articolo Successivo

Seid Visin, il razzismo c’entrava. Il padre: “Sì, ha contato nella vita e nella morte di nostro figlio. Porteremo avanti la sua battaglia”

next