“I licenziamenti alla Gianetti e Gkn? Sono vicende che non dipendono dallo sblocco dei licenziamenti, anche se la permanenza della ‘cassa-Covid’ avrebbe potuto disincentivare l’utilizzo alcune di queste strade”. A dirlo è il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, a margine della festa del Pd a Roma. “Non si possono fermare i licenziamenti con un decreto per cessata attività – ha spiegato il ministro – semmai il tema è come contrastare e disincentivare le delocalizzazioni e puntare su nuove politiche industriali, magari con l’intervento di soggetti pubblici“. Orlando, inoltre, ha annunciato un tavolo al ministero per affrontare quanto sta avvenendo alla Gkn di Campi Bisenzio: “Qui dobbiamo lavorare per far cambiare orientamento alle proprietà di natura sovranazionale e lavorare per limitare l’impatto dei cambiamenti nella filiera dell’automotive”.

Sullo sblocco dei licenziamenti, e sulle stime che parlano di un numero tra 70mila e 150mila licenziamenti, è stato netto: “Il rischio c’è, tanto che io avevo proposto di prolungare il blocco, ma non sono in grado ora di avanzare stime. In più – ha fatto notare – non esiste una norma che può impedire i licenziamenti per fine attività”. Ai dubbi e le critiche su ‘l’avviso comune’, ovvero la raccomandazione alle aziende, firmata da governo, sindacati e imprese, di utilizzare gli ammortizzatori sociali, prima di licenziare, Orlando ha replicato: “Non possiamo pensare di poter impedire i licenziati con un blocco eterno, certo la posizione di Confindustria è nota e non ha aiutato a generare un clima positivo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Reddito di cittadinanza, Orlando: “Referendum di Renzi? Prima si dovrebbe conoscere la Costituzione”

next
Articolo Successivo

Referendum sulla giustizia, l’apertura di Renzi a Salvini: “Dà stimolo a riforme più serie, stiamo ragionando se firmarlo”

next