“Passeggiavo per strada, e a un certo punto incrocio un tipo che mi guarda e fa ‘ma non ti vergogni?’ Ero vestito di fucsia“, così il cantante Sangiovanni, da poco uscito dalla scuola di Amici, denunciando quanto accaduto con delle stories su Instagram. “Non lo dico perché ci sto male, non mi toccano minimante – dice ancora – Ma volevo dirvelo per farvi riflettere su quanto in Italia ci sia ancora una forte chiusura mentale, forse non solo in Italia. “Non siamo liberi di essere come vogliamo – continua – Non siamo liberi di amare chi ci pare”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Zangrillo e il selfie senza mascherina all’aperto: “Modalità outdoor per le persone sane di mente”

next
Articolo Successivo

“L’inno degli Europei 2021 copiato da una canzone dei Pinguini tattici nucleari”: il caso su “We are the People” degli U2 e Martin Garrix

next