“Nemmeno per cambiare la Costituzione sono state chieste così tante audizioni. Se dovessimo farle tutte ci metteremo anni. È chiaramente un tentativo per ostacolare la legge”. Lo ha detto il deputato del Pd, Alessandro Zan, primo firmatario del disegno di legge contro l’omotransfobia, bersaglio dell’ostruzionismo da parte del centrodestra. In Commissione Giustizia del Senato, il presidente, il leghista Andrea Ostellari, ha proposto 170 audizioni a partire da giovedì 27 maggio e poi ogni martedì. Inizialmente quelle proposte erano oltre 200, più della metà della Lega. “Speravamo che Ostellari fosse super partes ma purtroppo non è così. È evidente la volontà ostruzionistica per afforzare la legge e portarla su un binario morto” ha aggiunto Zan

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ddl Zan, la Lega non vuole ridurre le 170 audizioni: nella lista anche Spirlì e Platinette. E Pd-M5s puntano a portare la legge in Aula

next
Articolo Successivo

Lingua dei segni: 10 anni dopo la Convenzione dell’Onu la riconosce anche l’Italia. “Ora è un servizio da garantire negli eventi pubblici”

next