#DirittoDiessere. È l’hashtag della campagna di comunicazione lanciata dall’Unar (Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali) del dipartimento per le Pari Opportunità, in collaborazione con il dipartimento per l’Informazione e l’Editoria della presidente del Consiglio dei ministri, in occasione della giornata internazionale contro l’omobitransfobia. I dipartimenti hanno anche realizzato uno spot, significativo. Il messaggio è chiaro: “Non rimanere bloccato nei tuoi pregiudizi”. L’obiettivo è promuovere la cultura del rispetto e della non discriminazione, riflettendo sugli stereotipi e sui pregiudizi per prevenire e contrastare ogni forma di odio e violenza nei confronti delle persone LGBTI.

“ È fondamentale lavorare – afferma la Ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia, Prof.ssa Elena Bonetti – affinché il principio della parità di trattamento faccia davvero parte del patrimonio culturale del Paese, contrastando l’odio e le violenze che negano di fatto la dignità della persona e creando le condizioni di eguaglianza che consentano a ciascuno di esprimersi liberamente e di realizzarsi. Il pregiudizio, l’odio e la violenza omofobici contro le persone Lgbt – continua la Ministra – sono fra gli ostacoli che di fatto impediscono di costruire una società inclusiva e rispettosa dei diritti di tutti. A tale inviolabile dignità guarda il percorso che, in collaborazione con le istituzioni e il Terzo settore, porterà all’adozione della nuova Strategia Nazionale pluriennale per la tutela dei diritti delle persone LGBTI nel nostro Paese. E, in questa giornata così importante per i diritti delle persone LGBT – aggiunge la Ministra Elena Bonetti -, mi fa piacere riportare il successo dell’Avviso pubblico del DPO-UNAR per la costituzione e il sostegno di Centri e Case Antidiscriminazione per persone LGBTI, con la ricezione di ben 94 progetti nei tempi e nelle modalità previste. Molto presto una Commissione si riunirà per selezionare i migliori”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

In Liguria una proposta di legge a ‘tutela della salute della donna’, ma il vero obiettivo è un altro

next
Articolo Successivo

Ddl Zan e Vaticano, l’inedita apertura di Bassetti (Cei): “Andrebbe corretto più che affossato”. Ma poi fa marcia indietro

next