Il livello dell’acqua è stato abbassato e sono così riaffiorati i resti del paese sommerso nel 1950. Il lago è conosciuto da tempo per il campanile che, isolato tra le gelide acque del Lago di Resia, fa capolino. Negli ultimi anni è diventato famoso nel mondo per il romanzo Resto qui di Marco Balzano e per la fortunata serie Netflix Curon. Tra il 1949-50 la Montedison ha creato il bacino artificiale del Lago di Resia per la produzione di energia elettrica. Per la realizzazione della mega opera il vecchio paese di Curon con le sue 163 case fu allagato. L’unico edificio rimasto in piedi è il campanile della chiesa di Sant’Anna.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“L’Ulss 3 di Venezia presta un’equipe medica specializzata a un ospedale privato lombardo”. La Fp Cgil: “Un accordo inopportuno”

next
Articolo Successivo

Terremoto a Gubbio, avvertita scossa di magnitudo 4.0: in corso verifiche dei vigili del fuoco su eventuali danni

next