“Sembra che la variante indiana abbia una elevata trasmissibilità per cui sarebbe giustificato un rafforzamento delle misure laddove è presente, come ipotizza il Regno Unito, ma non ci sono dati che dimostrano la maggiore aggressività clinica. Sulla capacita di dare infezione nei vaccinati, per ora non sembra essere cosi preoccupante come la variante sudafricana”. Lo ha spiegato Gianni Rezza, direttore generale della Prevenzione del ministero della Salute, in conferenza stampa sull’analisi dei dati del monitoraggio regionale della Cabina di regia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brusaferro: “Curva in calo. Fase di transizione, misure via con progressività”. I colori: tutta Italia in zona gialla tranne la Valle d’Aosta

next
Articolo Successivo

Covid, Rezza: “Seconda dose a 42 giorni per Pfizer? Non modifica l’efficacia del vaccino, copertura all’80% dopo un paio di settimane”

next