“Abbiamo la certezza che con la prima dose del vaccino c’è una produzione anticorpale superiore all’80%. Se la seconda dose si fa cinque o dieci giorni dopo non cambia nulla. Usciremo da questa pandemia”. Lo ha detto Francesco Vaia, direttore sanitario dell’ospedale Spallanzani, a proposito della campagna vaccinale contro il Covid. “Sono favorevole al superamento del brevetto”, ha aggiunto, “e anche alle somministrazioni agli under 16“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccini, squilibri tra le regioni: dagli over 80 ancora in attesa alle liste per under 50. L’incognita Astrazeneca e i ritardi (specie al Sud). Mappa

next
Articolo Successivo

Coprifuoco, Locatelli: “C’è margine per fare slittare l’orario più in là”. E replica a Pfizer: “Il richiamo a 42 giorni non inficia l’efficacia”

next