“Il vaccino è stato studiato per una seconda somministrazione a 21 giorni. Dati su di un più lungo range di somministrazione al momento non ne abbiamo se non nelle osservazioni di vita reale, come è stato fatto in Uk. È una scelta fatta dal Comitato tecnico scientifico che ha delle sue basi, osserveremo quello che succede”, così il direttore medico di Pfizer Italia, Valeria Marino, ospite a “Buongiorno” su Sky Tg24, commentando l’ipotesi di ritardare la seconda dose del vaccini Pfizer-BioNTech come già stanno facendo alcune regioni. “Come direttore Pfizer dico però di attenersi a quello che è emerso dagli studi clinici perché questo garantisce i risultati che hanno permesso l’autorizzazione”, ha però specificato la direttrice.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, si va verso l’addio all’indice Rt sui sintomi. Ipotesi coprifuoco ritardato: tutti spingono, ma Speranza predica prudenza

next
Articolo Successivo

Cipro, peschereccio italiano preso a sassate e speronato da barche turche. L’armatore: “Il governo ci dica dove possiamo lavorare”

next