“Volevo fare i complimenti a mio padre che è riuscito a vincere questo premio anche se non c’è più”. Momento di grande commozione durante la cerimonia dei 66esimi David di Donatello quando il premio per la miglior sceneggiatura originale è stato assegnato, postumo, a Mattia Torre per il film Figli. Bellissimo il ricordo della figlia sul palco, che ha ringraziato tutti quelli che le sono stati vicini dopo la morte del padre. Visibile la commozione in platea per la grande forza dimostrata dalla giovanissima figlia del compianto sceneggiatore.

“Volevo ringraziare tutti quelli che mi sono stati vicino. Dedico questo premio al mio fratellino Nico, che mi fa ammazzare dalle risate, e a mia mamma che non si arrende mai. ‘Figli’ parla di famiglia e di bambini che nascono, per questo ringrazio anche le ostetriche che fanno nascere nuove vite e i medici che si impegnano a non far volare via le persone. Bravo papà“. Torre, drammaturgo, autore di serie tv come Boris e La linea Verticale, è morto nel 2019 a 47 anni, lasciando proprio Figli come ultimo testo da far diventare film.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

David di Donatello 2021, “Immigrato” di Checco Zalone è la miglior canzone: “Se lo sapevo venivo. I miei famigliari dormono, non gliene frega niente che ho vinto”

next
Articolo Successivo

I Cinematti arrivano al cinema: la ‘storia folle’ della più grande community online di cinefili

next