La battaglia sulla Spianata delle Moschee si è trasformata in scontro aperto con Gaza dopo l’ultimatum di Hamas a Israele. Allo scadere dell’ora indicata, le 18, più di 30 razzi sono partiti dalla Striscia verso Gerusalemme e le comunità israeliane intorno all’enclave palestinese. Seguiti da altre decine di lanci. “Si è trattato di una risposta – ha rivendicato Hamas – all’aggressione e ai crimini contro la Città Santa e alle prevaricazioni contro il nostro popolo nel rione di Sheikh Jarrah e nella moschea al-Aqsa”. Immediata la risposta di Israele che ha colpito a Gaza uccidendo, secondo il portavoce militare, otto miliziani. Mentre il ministero della Sanità di Hamas a Gaza ha parlato di 20 persone uccise nel nord della Striscia e tra questi anche nove minori. Almeno sette membri di una famiglia, compresi tre bambini, sono rimasti uccisi in un’esplosione nel nord di Gaza le cui origini sono sconosciute. Per l’esercito israeliano sono morti “a causa di un lancio sbagliato dei terroristi”. In serata il portavoce del servizio di azione esterna della Ue ha chiesto che “cessi immediatamente il significativo aumento della violenza nella Cisgiordania occupata, a Gerusalemme Est e a Gaza e dintorni. Il lancio di razzi da Gaza contro le popolazioni civili in Israele è del tutto inaccettabile e alimenta dinamiche di escalation”. “Tutti i leader”, ha proseguito, “hanno la responsabilità di agire contro gli estremisti. Lo status quo dei luoghi sacri deve essere pienamente rispettato. Ribadiamo il nostro appello alle parti a impegnarsi per ridurre l’escalation. Occorre prevenire in via prioritaria ulteriori vittime civili”.

Intanto Israele sta colpendo a sua volta obiettivi militari nella Striscia. “Hamas ha varcato una linea rossa. Israele colpirà con grande potenza, non tolleriamo attacchi al nostro territorio, alla nostra capitale, ai nostri cittadini e ai nostri soldati. Chi ci attacca pagherà un duro prezzo”, ha detto il premier uscente Benjamin Netanyahu. Fra gli obiettivi colpiti lanciatori di razzi e due postazioni di Hamas. “Otto terroristi sono stati colpiti nella Striscia di Gaza”, ha affermato un portavoce dell’esercito. Le forze dell’ordine hanno deciso di evacuare le persone al Muro del Pianto della Città Vecchia. Anche i deputati della Knesset, il Parlamento israeliano, hanno lasciato l’aula e il palazzo.

Tutto mentre nella parte est della città continuano gli scontri tra manifestanti palestinesi, che da giorni si oppongono agli espropri per mano dei coloni israeliani nella zona est della Città Santa, e la polizia. Anche oggi si registrano nuovi incidenti proprio sulla Spianata delle Moschee, con lanci di pietre ai quali gli agenti stanno rispondendo con granate assordanti e proiettili di gomma. La Mezzaluna Rossa fa sapere che sono almeno 305 le persone rimaste ferite negli scontri, di cui 7 sono gravi. Nonostante la massiccia presenza di agenti in tenuta antisommossa, dovuta alle violenze registrate nei giorni scorsi, gli scontri sono ripresi già dalle 8 del mattino, ora locale, con lancio di pietre dei manifestanti che hanno passato la notte nel complesso sacro della città. Offensiva alla quale i poliziotti hanno risposto con l’uso di granate assordanti e proiettili di gomma. L’ambasciatore dell’Unione europea in Israele, Emanuele Giaufret, si è detto “estremamente preoccupato’ per la spirale di tensione tra israeliani e palestinesi a Gerusalemme est.

Dei 305 feriti, riferiscono i responsabili della Mezzaluna Rossa, 7 sono in condizioni gravi, mentre oltre 220 sono stati ricoverati in un ospedale di Gerusalemme Est o in un ospedale da campo allestito vicino al luogo delle proteste. L’ospedale al-Makassed di Gerusalemme est, riferiscono i media, ha proclamato lo stato di emergenza, mentre continuano ad affluire palestinesi feriti negli scontri con la polizia israeliana. Tra coloro che sono rimasti coinvolti negli scontri degli ultimi giorni, riferisce Unicef, ci sono anche molti bambini: “Negli ultimi due giorni, 29 bambini palestinesi sono stati feriti a Gerusalemme Est, anche nella Città vecchia e nel quartiere di Sheikh Jarrah. Otto minorenni palestinesi sono stati nel frattempo arrestati. Tra i feriti, anche un bambino di un anno. Alcuni bambini, che sono stati portati in ospedale per essere curati, avevano ferite alla testa e alla spina dorsale. L’Unicef ha ricevuto rapporti secondo cui alle ambulanze è stato impedito di arrivare sul posto per assistere ed evacuare i feriti e che una clinica in loco è stata colpita e perquisita”, hanno dichiarato Ted Chaiban, direttore regionale dell’Unicef per il Medioriente e il Nord Africa, e Lucia Elmi, rappresentante speciale dell’agenzia in Palestina.

Il capo della polizia israeliana, Kobi Shabtai, ha dato ordine agli agenti di respingere i manifestanti del luogo “con i mezzi di dispersione usati nelle dimostrazioni. Le forze di polizia e quelle di frontiera – si aggiunge in un comunicato ripreso dai media – sono ora impegnate a stroncare la violenza sul Monte del Tempio (o Spianata delle Moschee, ndr) e nelle altre aree della Città Vecchia”.

Il premier uscente, Netanyahu, ha dichiarato che la battaglia in corso “per lo spirito di Gerusalemme” è “la lotta secolare tra tolleranza e intolleranza, fra violenza selvaggia e mantenimento di ordine e legge”. Ed è poi passato a difendere gli espropri e l’operato della polizia: “Elementi che ci vogliono espropriare dei nostri diritti ci spingono periodicamente ad erigerci con una posizione forte come sta facendo adesso la polizia che appoggiamo. Solo la sovranità israeliana consente la libertà di culto per tutti. Le immagini dei mass media mondiali – ha concluso – sono distorte e falsificano la situazione. La verità alla fine prevarrà”. Il ministro della Difesa Benny Gantz ha spiegato che i raid aerei contro Hamas sulla Striscia di Gaza sono stati condotti per ottenere “una calma completa e duratura”. In una video dichiarazione, Gantz ha considerato Hamas responsabile dello scoppio delle violenze. “Vorrei sottolineare che lo Stato di Israele ha fatto di tutto e farà di tutto per tutelare la libertà di culto. Hamas, che prende di mira una popolazione civile, è l’unico responsabile”, ha affermato. Il ministro ha quindi minacciato la leadership di Hamas e affermato che l’esercito continuerà a condurre attacchi fino a quando non avrà adempiuto alla sua missione. Dal canto suo il numero due di Hamas, Salah al-Arouri, ha affermato che il movimento islamico palestinese è interessato a porre fine al lancio di razzi se anche Israele interrompe gli attacchi. “Ci sono mediatori, ovvero l’Egitto, le Nazioni Unite e altri, che stanno cercando di porre fine all’escalation”, ha affermato. “Non siamo interessati a iniziare una guerra, ma se Israele continua a danneggiare la moschea di al-Aqsa e i fedeli, non potremo non rispondere”, ha aggiunto.

Ma l’Onu si schiera dalla parte del popolo palestinese, con il Segretario generale Antonio Guterres che ha “espresso la sua profonda preoccupazione per le continue violenze nella Gerusalemme est occupata, nonché per i possibili sgomberi di famiglie palestinesi dalle loro case nei quartieri di Sheikh Jarrah e Silwan“. In una nota del portavoce ha “esortato Israele a cessare le demolizioni e gli sfratti, in linea con i suoi obblighi ai sensi del diritto internazionale umanitario. Le autorità israeliane devono esercitare la massima moderazione e rispettare il diritto alla libertà di riunione pacifica”. Seconco il Times of Israel gli Stati Uniti hanno bloccato una dichiarazione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite di condanna della situazione durante la riunione di emergenza della sede dell’Onu a New York. La delegazione norvegese aveva presentato un testo congiunto di condanna di qualsiasi tipo di violenza, degli sfratti richiesti da Israele agli abitanti del quartiere di Sheikh Jarrah e per chiedere alle parti di tornare alla calma. Il testo è stato poi modificato per condannare il lancio di razzi e di ordigni incendiari da Gaza contro il territorio israeliano e ha ottenuto il sostegno di 14 dei 15 membri del Consiglio di sicurezza. Gli Stati Uniti hanno chiesto tempo per valutare la bozza e alla fine hanno deciso di non appoggiare l’iniziativa, scrive il quotidiano israeliano.

Hussein al-Sheikh, esponente dell’Autorità nazionale palestinese (Anp), su Twitter parla di “una aggressione criminale” da parte di Israele: “L’Anp – ha aggiunto – sta valutando tutte le possibilità per rispondere a questa aggressione criminale contro i luoghi santi e i residenti”. Intanto, il portavoce di Hamas, Sami Abu Zuhri, soffia sulle fiamme della rivolta incitando il popolo palestinese a insorgere e a unirsi ai manifestanti per opporsi agli espropri nei Territori Occupati. “Quanto avviene nella moschea al-Aqsa è una vera strage e un crimine di guerra. Facciamo appello al nostro popolo affinché scenda nelle strade ed affronti l’occupante”, ha detto. Così sono anche in corso preparativi per nuove manifestazioni lungo il confine tra la Striscia e Israele, con camion pieni di pneumatici da bruciare che si stanno già dirigendo verso la frontiera. Le gomme sono messe a disposizione dei manifestanti per essere bruciate impedendo così con il fumo la vista ai soldati israeliani dall’altra parte del reticolato di protezione.

E proprio dalla Striscia di Gaza, roccaforte del movimento, continua il lancio di razzi nel territorio israeliano. Sempre secondo la Radio Militare, sono stati tre, dopo quelli di ieri, i lanci: “Un razzo, a quanto pare, è stato intercettato da una batteria Iron Dome“, ha precisato. In precedenza le sirene di allarme erano risuonate a Sderot. Nella notte altri razzi sono stati sparati da Gaza e Israele ha reagito colpendo una postazione di Hamas. Anche le Brigate Al-Quds, l’ala armata del Jihad Islamico, ha annunciato di aver lanciato 30 razzi su Sderot.

In seguito a questi incidenti le forze di sicurezza di Tel Aviv hanno chiuso il valico di transito ad Erez e le zone di pesca di fronte a Gaza. Inoltre, l’esercito israeliano ha deciso il blocco di alcune strade e zone adiacenti alla barriera di sicurezza con Gaza e la cancellazione di tutti i treni tra Ashkelon e Beer Sheva. La decisione è stata motivata con “l’attuale situazione” per gli incidenti a Gerusalemme e le minacce di Hamas. Inoltre ai civili è stato chiesto “di evitare ogni fermata accanto alle strade e nelle aree adiacenti alla Striscia”. La città costiera di Ashkelon, non distante da Gaza, ha aperto tutti i rifugi pubblici antimissili: “Nonostante non abbiamo ricevuto una richiesta ufficiale in tal senso, abbiamo deciso di agire su questo tema con un surplus di precauzione”, ha detto Tomer Glam. In serata Israele ha annunciato la chiusura del valico di Kerem Shalom con la Striscia di Gaza. Lo riporta il Times of Israel, sottolineando che in questo modo si interrompe l’ingresso nella Striscia di aiuti umanitari. Kerem Shalom è il principale ingresso per i beni commerciali nell’enclave.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Resta fermo il principale oleodotto statunitense colpito da un attacco informatico. Gli hackers: “Agiamo solo per soldi”

next
Articolo Successivo

Londra, balenottera rimane incastrata nella chiusa del Tamigi. “Troppe ferite, va abbattuta per porre fine alle sue sofferenze”

next