Ominidi che cercano riparo in una grotta per scaldarsi, dormire, difendersi dall’agguato delle fiere, affilare le armi con le quali torneranno a cacciare. Ma anche ferocissime iene che di quello stesso antro naturale, in tempi diversi, hanno fatto una tana dove portare i loro trofei. È un viaggio nel tempo lungo oltre 100 mila anni quello che stanno facendo archeologi, paleontologi, antropologi, archeobotanici che da ottobre 2020 sono impegnati nella Grotta Guattari al Circeo (Latina) in una nuova campagna di scavo condotta dalla soprintendenza in collaborazione con l’Università di Tor Vergata.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’ispettore Coliandro compie 30 anni, Carlo Lucarelli: “Mi serviva un personaggio negativo per raccontare la metà oscura di Bologna. Le differenze con Montalbano?Troppe”

next
Articolo Successivo

Targa Florio, un libro tra i tornanti della storia della corsa automobilistica e quella della Sicilia

next