Dovranno trascorrere nell’incubatrice “due o tre mesi” i nove gemelli nati in Marocco da una donna maliana di 25 anni. Lo ha spiegato il professor Youssef Alaoui, direttore della clinica Ain Borja di Casablanca, dove martedì si è verificato il delicatissimo parto prematuro. Potrebbe rivelarsi un record, visto che supera la nascita di otto piccoli (concepiti in vitro) da una donna in California nel 2009, indicata dal Guinness dei primati come il parto più. numeroso in cui tutti i neonati sono sopravvissuti. I neonati (cinque femmine e quattro maschi), sono in buone condizioni, nonostante alla nascita pesassero fra 500 grammi e un chilo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Teppisti mettono un calzino in testa a un cigno: “Poteva morire con sofferenze atroci” È caccia ai responsabili, rischiano 6 mesi di carcere

next
Articolo Successivo

Cameriere cannibale fa a pezzi la madre e mangia il suo cadavere “condividendolo” con il loro cane: condannato a 15 anni di carcere

next