Giustizia per Ma’Khia Bryant, la 16enne afroamericana uccisa a colpi di pistola da un agente il 21 aprile. Ma non solo. Anche la completa interruzione da parte dell’università dei dei rapporti con il dipartimento di polizia della città. Sono le richieste mosse oggi dagli studenti dell’Università dell’Ohio che hanno organizzato un sit-in di protesta dopo l’ennesima uccisione di una persona, questa volta appunto una giovanissima ragazza, da parte delle forze dell’ordine. La 16enne è stata assassinata mentre stava litigano in strada con un’altra donna nel quartiere di Columbus dove abitava. La sua morte arriva poco dopo la sentenza di condanna inflitta all’ex poliziotto Derek Chauvin a Minneapolis per per l’omicidio di George Floyd.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Navalny visitato da medici civili fuori dal carcere”. Durante le proteste oltre 1700 fermi. “Il suo responsabile social picchiato dagli agenti”

next
Articolo Successivo

Madrid, 28enne accusato di avere ucciso e mangiato la madre. “Mi aveva reso la vita impossibile”

next