“Sono stata colpita da un lacrimogeno”. A parlare è Giovanna Saraceno, l’attivista No Tav che da domenica è ricoverata all’ospedale Molinette di Torino con un trauma cranico, due emorragie cerebrali e fratture multiple al volto. “Mi ritrovo in ospedale dopo essere stata in Valle per portare la mia solidarietà, la mia voce e la mia vicinanza alle persone che resistevano sul tetto del presidio di San Didero, perché lotto contro la Tav, opera inutile e dannosa”, racconta la donna che nella giornata di oggi subirà un intervento maxilofacciale. Una ricostruzione che nei giorni scorsi è stata smentita dalla Questura affermando che è “impossibile” che le ferite siano state provocate dal lancio di un lacrimogeno. Sul caso sono stati avviati degli accertamenti da parte della polizia.

Ma nei giorni precedenti alla notte in cui la donna è stata ferita, diversi video tra cui quello del fattoquotidiano.it, hanno testimoniato il lancio di lacrimogeni ad altezza uomo da parte delle forze dell’ordine. “Oltre a Giovanna – attacca il movimento – nel corso degli anni ci sono stati altri No Tav feriti gravemente e scientemente da parte di chi, per difendere un’opera inutile, attua una vera e propria guerra nei nostri confronti, attentando alle nostre stesse vite”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Velletri, trovato pirata della strada: “Ha investito e ucciso 68enne senza fissa dimora”

next
Articolo Successivo

Covid, nullatenente consegnava in Porsche mascherine illegali: 5 milioni di dispositivi sequestrati in un deposito clandestino

next