Il fratello del capo dei capi torna a casa. Gaetano Riina, fratello del superboss Totò, esce dal carcere e va ai domiciliari. Lo ha deciso il tribunale di sorveglianza di Torino, che ha disposto la detenzione casalinga su istanza dei suoi legali. Gaetano Riina ha 88 anni e ha da tempo gravi problemi di salute. Sarà trasferito in una località della Sicilia.

Fino ad oggi il fratello del ‘capo dei capì di Cosa Nostra è stato rinchiuso nel carcere torinese delle Vallette con un fine pena fissato nel 2023. Una sua precedente richiesta di differimento pena o detenzione domiciliare era stata respinta lo scorso 15 settembre. In questo procedimento è stato assistito dagli avvocati Vincenzo Coluccio, di Torino, e Maria Brucale, di Roma, dell’associazione Nessuno tocchi Caino.

Fratelli minore di capo dei capi di Cosa nostra, nato a Corleone nel 1933, Gaetano Riina ha avuto una carriera criminale molto minore rispetto a quella di Totò. Divenuto consigliere della famiglia di Corleone negli anni ’80, è rimasto ai margini dalla scalata al potere del fratello. Poi nel 2011 fu arrestato con l’accusa di essere il nuovo capo del clan corleonese. Dalle indagini era emerso un patto siglato da Riina con i Casalesi di Nicola Schiavone, figlio di Sandokan.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pino Maniaci assolto e ignorato dai media. Perché la sua non è una storia minore

next
Articolo Successivo

‘Ndrangheta, chiesti 4 anni per il senatore di Forza Italia Marco Siclari. È accusato di scambio politico-mafioso per le elezioni 2018

next