I carabinieri del Gruppo di Monreale e del Ros hanno arrestato il fratello del boss Totò Riina. Gaetano Riina è considerato il nuovo capo del mandamento di Corleone. In cella, insieme a lui, altre tre persone accusate di associazione mafiosa ed estorsione.

L’attività investigativa, durata circa 3 anni, ha permesso di delineare il nuovo assetto del mandamento mafioso di Corleone e delle storiche famiglie che avevano subito durissimi colpi con l’arresto dei capi storici e con il sequestro di numerosi beni, dopo l’operazione Perseo, sempre condotta dai Carabinieri del Comando Provinciale di Palermo.

Le investigazioni da subito “hanno dimostrato la forte influenza di Gaetano Riina – dicono gli inquirenti – il quale, benché residente da anni a Mazara del Vallo, forte della sua esperienza e del rapporto di parentela con il capo di Cosa nostra, era la persona con il giusto carisma e ascendente per poter rappresentare degnamente Corleone nel rapporto molte volte complicato con gli altri mandamenti della provincia”. Secondo gli investigatori il mandamento di Corleone, pur decimato dagli arresti di Totò Riina e Bernardo Provenzano “ha mantenuto un ruolo centrale negli equilibri di Cosa nostra”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torna la polemica sui “professionisti dell’antimafia”. Contro i gruppi antiracket

next
Articolo Successivo

Marocco: oggi si vota per la nuova Costituzione

next