“A San Gregorio Armeno stiamo vivendo una tragedia, tra un po’ non riusciremo nemmeno più a pagare le utenze”. A dirlo è Gabriele Casillo, presidente dell’Associazione Botteghe di San Gregorio Armeno. “Viviamo di turismo e per noi le riaperture spot senza turisti sono inutili. Stiamo chiedendo la sopravvivenza almeno fino ad ottobre, qui c’è un forte rischio di speculazione”. “Stanno arrivando delle proposte – ha raccontato Serena D’Alessandro, portavoce dell’associazione – chi in questo momento ha un forte potere d’acquisto guarda a San Gregorio Armeno perché sa bene che quando tutto sarà finito tornerà a essere una strada florida”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ex Ilva, i sindacati proclamano lo sciopero il 23 aprile: “Mittal pensa al profitto e il governo in silenzio. La vertenza è in stallo da 10 anni”

next
Articolo Successivo

Il sindacato ha davanti due opzioni: tornare alla conflittualità sociale o condannarsi all’irrilevanza

next