Trentaquattro migranti sono morti in seguito al ribaltamento della loro imbarcazione al largo di Gibuti. Lo ha riferito su Twitter Mohammed Abdiker, direttore regionale dell’Oim per Africa orientale e Corno d’Africa. “I migranti erano trasportati da trafficanti“, ha scritto, sottolineando che si tratta della “seconda tragedia del genere in poco più di un mese” visto che “a marzo 20 erano morti e diversi altri erano rimasti feriti”.

(immagine d’archivio)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Con la morte del principe Filippo riaffiora il problema dell’esistenza della monarchia

next
Articolo Successivo

Iran, “sabotaggio” nella centrale nucleare di Natanz: “Opera d’Israele”. Teheran: “Ci vendicheremo al momento opportuno”

next