“Siamo qui per protestare e l’abbiamo fatto in modo simbolico esponendo i nostri banchi“. Così Giancarlo Nardozzi, presidente di Goia (Gruppo organizzato indipendente ambulanti), mentre spiega le ragioni della protesta nei mercati di Torino. “Abbiamo manifestato in otto regioni e continueremo a farlo contro questa ingiustizia che stiamo subendo. C’è tutto il mondo che si muove e mentre centro commerciali e altri posti al chiuso vanno avanti a lavorare, noi che ne abbiamo davvero bisogno siamo costretti alla fame”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge Fornero, perché va compresa la portata della sentenza della Consulta sul reintegro

next
Articolo Successivo

Ministro Orlando: “In aziende spazi per le vaccinazione dei lavoratori. Un passo importante verso la normalità”

next