“Siamo circondati dai lupi, arrivano fino al cancello di casa e ci sbranano puledri e pecore. Di sera non siamo nemmeno liberi di uscire, abbiamo paura”, a raccontarlo è Pina Cardilli, allevatrice di bestiame assieme al marito Giuseppino Giovannetti, che ora invoca l’intervento delle Istituzioni per trovare un rimedio. Il tutto accade a Villa Cesi, frazione alle porte di Monteleone di Spoleto, ai confini della Valnerina. Nonostante la paura e i danni tutti gli allevatori sono concordi che i lupi non vanno assolutamente uccisi. “Ma una soluzione – dicono – va trovata subito, una potrebbe essere quella di catturare questo branco e portalo lontano da qui”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La strana filiera del polpo: dalla Sierra Leone (che non può esportare) al Senegal. Fino alle tavole dei consumatori anche italiani

next