Un’insegnante di 32 anni, ricoverata all’Ospedale San Martino di Genova dopo una emorragia cerebrale, è morta questa mattina. La donna era stata vaccinata il 22 marzo con Astrazeneca. Oggi l’Ospedale ha comunicato che “è iniziata alle 9.44 l’osservazione di 6 ore per la conferma di stato di morte cerebrale per la paziente di 32 anni ricoverata presso la nostra Rianimazione”. Ieri lo stesso istituto aveva segnalato il caso “di quadro trombotico ed emorragico cerebrale riferito a una insegnante di 32 anni vaccinata presso la Asl di residenza in Liguria con vaccino AstraZeneca il 22 marzo e con esordio sintomatologico dal 2 aprile”. La direzione del Policlinico aveva attivato le previste segnalazioni nell’ambito delle procedure di farmacovigilanza verso Aifa.

“È presto per dire che a Genova ci sia un nesso causa-effetto“, dice il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, in un’intervista alla Stampa. “Dobbiamo affidarci alla farmacovigilanza per avere una base scientifica. Si tratta di una donna giovane e questa complicanza della trombosi, nei rari casi in cui si è manifestata, è stata notata soprattutto nel genere femminile e in una fascia d’età bassa“. Su un eventuale intervento dell’Ema, Sileri spiega: “L’Ema credo dovrà pronunciarsi nuovamente per introdurre un limite di età, non per bloccare o sospendere la somministrazione. Individuata la fascia d’età di cui parlavamo prima, con un rischio maggiore di trombosi, si mette un limite per la somministrazione o un’avvertenza che preveda un monitoraggio di chi viene vaccinato. È una complicanza che una volta riconosciuta in tempo è facilmente trattabile“. Nel frattempo, i familiari della insegnante hanno acconsentito alla donazione degli organi, come comunicato dall’Ospedale San Martino di Genova dopo che gli stessi parenti hanno dato l’assenso alla divulgazione della notizia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pasqua, controlli sui non residenti trovati in spiaggia in Liguria. Droni sul litorale romano, a Milano multe per feste in casa e nei locali

next
Articolo Successivo

Covid, Papa Francesco: “Le famiglie più fragili hanno diritto all’accesso alle cure necessarie. Vaccini strumento essenziale” – Video

next