La Moschea Fazl, la più antica di Londra, è stata trasformata in centro vaccinale anti-Covid, inoculando, nel suo primo giorno di attività, mille dosi. L’iniziativa è nata dalla preoccupazione che tra le comunità etniche minoritarie nel Regno Unito ci fosse più riluttanza a farsi vaccinare, ma la direttrice clinica del nuovo hub, la dottoressa Laura Quinton, ha spiegato che i tassi stanno già migliorando: “Per ogni persona che vacciniamo, questa lo dice a altre due o tre altre persone, così la voce si sta diffondendo”. Il centro è stato aperto il giorno in cui nel Regno Unito si marca un anno dal primo lockdown, anniversario che il personale e i membri della comunità hanno commemorato rispettando un minuto di silenzio alle 12, ora locale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Asta record per un’opera di Banksy dedicata agli operatori sanitari in prima linea contro il Covid: battuta a 19,4 milioni di euro – Video

next
Articolo Successivo

Covid, Francia: “Epidemia accelera ovunque”. Scoperta una nuova variante in India. Brasile, nuovo record di morti: 3.251 in 24 ore

next