Un centinaio di tassisti ha dato vita a Napoli a un “corteo funebre” con tanto di bara portata a spalla fin sotto il palazzo della Regione Campania per lamentare il crollo delle entrate, da un anno a questa parte, e chiedere adeguate misure di sostegno. La protesta è partita da piazza del Plebiscito: sul feretro è stata montata l’insegna luminosa taxi oltre a un manifesto funebre con la scritta “Qui giace la categoria taxi”. La protesta dei tassisti va avanti da cinque giorni con sit-in e manifestazioni di piazza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

AstraZeneca, l’autopsia sull’uomo morto a Biella: nessun legame evidente con il vaccino, problema cardiaco

next
Articolo Successivo

Astrazeneca, la direttrice Ema: “I benefici restano superiori, continuiamo a monitorare e verificare se i casi siano effetti collaterali o coincidenze”

next