“Ho 21 anni, faccio il cuoco e sono di Monza”. Si presenta così Luca Rivolta, il giovane primo volontario che il 1° marzo ha ricevuto il vaccino tutto italiano ideato da Takis e sviluppato in collaborazione con Rottapharm Biotech. La sperimentazione è partita all’ospedale San Gerardo di Monza. “Sono molto emozionato, ma sto bene. Ho deciso di partecipare perché credo che tutti debbano dare una mano – ha spiegato Rivolta -. Credo sia fondamentale che il vaccino venga somministrato a tutte le età. Nel momento in cui c’è la possibilità di fare stare meglio tutti è da stupidi non approfittarne”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccini, la distribuzione è troppo lenta: se la situazione non si sblocca, via al potere d’inchiesta

next
Articolo Successivo

Il soldato salvò una bambina durante la guerra, la nipote pubblica la foto e fa un appello per ritrovarla quasi 80 anni dopo

next